• Seguici sui canali social

La mia prima Trail tra le colline di casa: Fiorenza si racconta

La mia prima Trail tra le colline di casa: Fiorenza si racconta

La mia prima Trail tra le colline di casa: Fiorenza si racconta

Fiorenza ci racconta la sua esperienza alla Moscato di Scanzo Trail: 20 chilomentri tra i vigneti e le colline di Scanzorosciate.

"Questa bambina ha bisogno di sbagliare, di arrivare ultima". Queste le parole della mia maestra d'asilo Suor Lodovica a mia mamma. Ci sono voluti 30 anni (uno più uno meno...) per scoprire quanto possa essere bello arrivare - quasi - ultima in una competizione.

Domenica 11 settembre ho partecipato alla prima Edizione della Moscato di Scanzo Trail. Ecco, di preciso non mi ricordo come sia giunta a questa folle idea... venti chilometri?!?!?! Sono sportiva, mi piace correre, nuotare, sperimentare, competere... ma chiedere ad una velocista di fare venti chilomentri è un pò un'esagerazione!

E, soprattutto, chiederle di non provare a vincere, di non guardare tempi e di non avere avversari.

Camminare in montagna in compagnia di Orobiando è una cosa, ma mettermi le scarpe ed iniziare a correre è un'altra storia. Per di più in salita!

Ma si sa... al cuor non si comanda e l'entusiasmo di mio marito mi ha trascinata. Un allenamento sulle Orobie, uno sulla Sierra Nevada ed un altro sui Pirenei... e così di allenamento in allenamento è giunto il momento dell'iscrizione, dei dubbi e della paura di non farcela, di non poter controllare o gestire le circa quattro ore che mi avrebbero aspettata.

Quella mattina mi alzo dopo una notte leggermente agitata, ma l'ansia si sta trasformando in entusiasmo. Mi preparo: non porto l’orologio, non mi serve, solo un zainetto nuovo, la mia fascetta salva vita e delle belle scarpette. I look è tutto, sempre, anche durante una trail!

All'ultimo momento decido di lasciare anche i bastoncini, così mi consigliano i più esperti. Dopo un paio di ore avrò modo di insultarli pesantemente sulle salite più ripide.

Alla partenza trovo tanti amici: Fernando, Alberto, Paolo, Giuseppe e Andrea, mio marito... ed il mio gruppo di supporto che mi accompagnerà lungo tutto percorso: Michela, Lorenzo e Rossella.

L’ansia diventa emozione: si parte!

Andrea mi ha promesso che correrà con me per la prima parte di percorso, ma l'adrenalina e il gruppo lo trascinano: dopo 100 metri sono fanalino di coda con altre 2 persone. Per essere precisi le altre due persone sono il servizio scopa: sono proprio ultima. E per di più fa un caldo terribile. Le peggiori condizioni per me: sola, accaldata e con 20 chilomentri da percorre in solitaria!

Eppure sto benissimo... e mi diverto pure. Macino chilometri; alterno momenti di corsa ad altri in cui cammino, in particolare sulle belle salite. Mi fermo ai ristori, mi godo il paesaggio, riempio le mie borracce e riparto. Non so da quanto tempo stia correndo, ma ad un certo punto arrivo al quindicesimo chilomentro.

Ecco, adesso sono un pò stanchina. Le bellissime salite non finiscono mai e vorrei tanto fermarmi un attimino. Mi salvano le parole di Viviana del giorno prima: “Così come vengono, le crisi poi passano”.

E allora non ci penso e continuo. Incontro altri corridori un po' in difficoltà e offro loro il mio kit di sopravvivenza fatto di acqua e mandorle.

E continuo. Per ben due volte i ragazzi eccezionali del servizio di assistenza mi dicono che mancano due chilomentri... probabilmente la mia faccia dice tutto e la verità sarebbe troppo difficile da accettare. Ad un certo punto mi dicono che mancano 800 metri. Da brava runner mi dico: “Sono due giri di pista, ce la posso fare!".

E ce la faccio. Arrivo e sono felicissima. Ad accogliermi i miei amici e mio marito Andrea. Vorrei fare una bella fontanella, ma sono troppo stanca e le lacrime non scendono.

Ho vinto. Ho vinto la sfida più difficile, quella con me stessa. La sfida con i miei limiti e con le miei insicurezze. La montagna è così: ti mette a nudo. Ecco perchè è così affascinante.

Ho vinto. Il tempo non conta: sono una finisher.

P.s.: A puro titolo informativo non sono proprio arrivata ultima, eh!